DA SAPERE

Il rapporto tra avvocato e cliente si fonda sulla reciproca fiducia e sulla riservatezza e, di conseguenza, tutte le informazioni di cui verrò a conoscenza anche nell’ambito di una sola sessione di consulenza saranno mantenute nel più stretto riserbo ed utilizzate esclusivamente nell’ambito e per le finalità del mandato che deciderà eventualmente di conferirmi. E’ opportuno che si presenti all’appuntamento con tutti i documenti relativi alla vicenda che intende sottopormi; così, a titolo esemplificativo, sarà necessario che Lei porti con sè l’orginale dell’atto introduttivo del Giudizio promosso nei Suoi confronti o a Suo carico, le lettere e le raccomandate ricevute in fase stragiudiziale nonché quelle Sue di eventuale riscontro accompagnate dalla ricevuta di partenza e di ritorno o l’eventuale rapporto di trasmissione se inviate via fax. Nella hall dello Studio é esibita copia della c.d. Dichiarazione sulla Privacy, il cui contenuto darò per conosciuto e il cui consenso al trattamento dei dati considererò espresso al momento dell’inizio del colloquio.
E’ mia abitudine conservare gli originali degli atti e dei documenti solo se strettamente necessario e, di conseguenza, farò copia di quanto ricevuto, restituirendogliene l’originale; laddove dovessi trattenere l’originale, gliene consegnerò copia con relativa annotazione.
Laddove Lei fosse già assistita da altro Legale, ricordo – laddove ve ne fosse davvero bisogno – che:
1) non accetterò di prendere contatto con il Suo avvocato per risolvere Vostri eventuali problemi di comunicazione, invitando piuttosto Lei a concordare con il Suo patrono un incontro chiarificatore;
2) non esprimerò giudizi sulle parcelle esposte dal Suo avvocato, invitandoLa piuttosto a richiedere direttamente a lui gli opportuni chiarimenti;
3) non interverrò in nessun caso con lettere, telefonate, incontri o qualt’altro nella trattazione di affari per i quali Lei é già assistita da altro avvocato, limitandomi solo ad esprimere un punto di vista generale sulla vicenda.
Laddove, a seguito dell’incontro chiarificatore, Lei riscontrasse di non avere ricevuto dal Suo avvocato i chiarimenti auspicati e intendesse conferire incarico al sottoscritto, La inviterò:
a) a comunicare – in forma scritta – al Suo avvocato la revoca del mandato, richiedendo se via siano ancora prestazioni da saldare;
b) a recarsi presso lo Studio del Suo avvocato per ritirare tutta la documentazione relativa alla Sua posizione o a dare istruzioni affinché il Professionista sia autorizzato a farmela avere.

Parla alla tua mente

Ordine degli Avvocati di Varese - P.I 02696440128 posta