logo-studio-legale-gianandrea-bonini

Varese (VA) – Via Cairoli, 5 – tel. (+39) 0332/239809-235218

gianandreabonini@legalevarese.it

Buongiorno le scrivo per comprendere come comportarmi.

Le spiego la situazione. Dallo scorso settembre mi sono separato da mia moglie alla quale passo un assegno di mantenimento per nostra figlia.

A gennaio ho mandato raccomandata R/A con disdetta di contratto di locazione dell’appartamento in cui attualmente vivo e che purtroppo non ho più pagato il canone di locazione.

Ho ricevuto quindi la convocazione per uno sfratto per morosità in tribunale, ma è mia intenzione liberare entro la fine di giugno al massimo il locale in quanto mi sto accordando per un altro locale più piccolo e meno costoso.

La mia situazione economica è comunque disastrosa, benchè abbia un lavoro dipendente ho contratto numerosi debiti (finanziamenti, cessione del 5° in atto, saldo negativo con fido sul c.corrente) e non possiedo nient’altro che una macchina del 2000 che ho lasciato alla mia ex moglie.

La mia domanda è questa poichè sicuramente lascierò l’appartamento entro due mesi al massimo mi conviene presentarmi all’udienza o conviene aspettare altre convocazioni fino a che non vado via? Alcuni mobili non mi serviranno, posso lasciarli al locatore per recupero parziale del danno?

Al fine amministrativo che conseguenze ci sono su fedina penale, segnalazioni a enti?

La ringrazio anticipatamente.

Distinti saluti.

ss